Da visitare

Mirenski Grad sorge sul fiume Vipacco, oltre il quale correva l’antica strada romana Aquileia - Emona. Il territorio fertile intorno alla collina, adatto all’agricoltura, è sempre stato popolato e agli occhi dei popoli che lo oltrepassavano dall'Impero Romano al mondo barbarico.

Il colle chiamato Mirenski Grad (il Monte Grado) è ubicato sotto l'altopiano carsico, nelle immediate vicinanze del confine italo-sloveno. Dalla cima del colle, situato a quota 120 m sul livello del mare, si può ammirare un magnifico panorama.

Oggi il santuario, costruito in stile neoromanico su basi basilicali, è tra i maggiori nella Diocesi di Capodistria ed attira molti visitatori.

I lazzaristi si stabilirono a Mirenski Grad nell’edificio dei cappellani nel 1913, situato sul posto dove precedentemente vi dimoravano gli eremiti. Oggi sono impegnati in diverse attività spirituali.

La Casa ospita ritiri spirituali, eventi culturali, incontri, concerti e mostre.

La casa è oggi sede del Centro per le famiglie Mirenski Grad, gestito dall’Associazione di Volontari di San Vincenzo de’ Paoli.

Le suore oggi abitano nella nuova casa costruita accanto al cimitero.

Vicino alla chiesa sono sepolti i lazzaristi, le Figlie della Carità e alcuni parroci di ‏Miren.

I ventotto scalini della Scala Santa, al centro dei quali è incastonata una reliquia, invitano a riflettere sulla sofferenza di Cristo.

A disposizione degli ospiti vi è anche la casetta per i giovani.

Nel 1757 fu eretta la prima Via Crucis lungo il percorso che in quel tempo conduceva a Grad.